Tag: festa della montagna

Festa della Montagna – Acerno (SA), numerose attività nelle due giornate di pura quotidianità montanara

Festa della Montagna – Acerno (SA), numerose attività nelle due giornate di pura quotidianità montanara

La Festa della Montagna di Acerno (SA), organizzata dall’Associazione Tannera è una di quegli eventi che riporta ai giorni nostri antichi mestieri e usanze gastronomiche che hanno contraddistinto la quotidianità Montanara dei nostri nonni. Quest’anno le date ufficializzate saranno quelle del fine settimana del 9 e 10 settembre 2023.

L’obiettivo è quindi quello di rispolverare il passato, ma anche di mostrare come nel tempo le stesse attività si sono evolute.

Il Programma di sabato 9 settembre

La mattina

La Festa della Montagna prende il via ufficialmente dalle ore 10.00, dove si darà il via all’apertura stands con prodotti tipici in Via Duomo, in contemporanea nel Parco Villa Casillo (Via Campi Elisi) avverrà una dimostrazione sull’addestramento dei cuccioli alla caccia al tartufo a cura di Vito Cerrone. Dalle ore 10.15, in villa Comunale ci sarà l’esposizione rapaci a cura de “I Falconieri dell’Irno”, un’occasione di ammirare da vicino questi splendidi rapaci e conoscere come, con tecniche argute, si procacciano il cibo. Dalla stessa ora fino alle 12.30 in Viale San Donato avranno luogo i “Giochi Montanari” a cura della Parrocchia S.Maria degli Angeli. Alle 12.00 via all’Open Food No Stop “La Montagna a Tavola”.

Il pomeriggio

Nel Pomeriggio alle 16.00 altra dimostrazione sui cuccioli da tartufo, alle 16.30 “Il Fantastico Mondo delle Api” dal nettare al miele, come per magia a cura di Antonio De Gregorio. Dalle 17.30 ci sarà la sfilata dei muli e alle 18.00 Scene di Brigantaggio tratte dalla “Sagra di Nardantuono”.

La sera

In conclusione della prima giornata della Festa della Montagna, la Sera alle 20.00 e alle 21.00, rispettivamente a Piazza V.Freda e a Via Rimembranza riprenderanno gli spettacoli dei Falconieri dell’Irno. Alle 21.30 il via a due spettacoli musicali, quelli dell’Orchestra Achille e dei Vient e Terra.

Festa della montagna, programma del 9 settembre

Il programma di domenica 10 settembre

La mattina

Dalle ore 10.00 si dà il via all’apertura stands con prodotti tipici in Via Duomo, in contemporanea nel Parco Villa Casillo (Via Campi Elisi) avverrà una gara di ricerca del tartufo in ring. Per la prima volta, nella scorsa edizione, è stata fatta dimostrazione di una delle tante attività che si svolgono nei boschi del luogo. I cani si sono sfidati in una avvincente gara all’ultimo tartufo, infine i più abili sono stati anche premiati. Anche domenica dalle ore 10.15, in villa Comunale ci sarà l’esposizione rapaci a cura de “I Falconieri dell’Irno”. Dalle 10.30 nel Parco Villa Casillo una dimostrazione sugli antichi mestieri.

Gli antichi mestieri

Il Catuozzo, o anche detto la Carbonaia, sapientemente costruita e lasciata fumare per ottenere pregiati carboni utilizzati poi nella cottura alla brace di succulenti bistecche.

La quagliata con degustazione, dove abili mastri casari realizzano in tempo reale formaggi freschi e latticini che vengono subito serviti accompagnati da una calda e fragrante focaccia sfornata all’istante da un caratteristico forno a legna.

Il tree climbing ovvero tecniche di arrampicata con imbracature e modalità assolutamente innovative e poi nuovamente come sabato, i giochi montanari ed il fantastico mondo delle api.

Alle 10.45 Gara di Motoseghe, alle 11.00 Degustazione del miele con abbinamenti gastronomici, alle 11.45 Sfilata dei buoi e dei muli, alle 12.00 dopo tutte queste attività, è il momento di rifocillarsi, e quindi appuntamento ancora con “La Montagna a Tavola” con l’open food no stop.

Il pomeriggio

Alle 15.00 dimostrazione e gara di esbosco con i multi, alle 16.30 vera e propria olimpiade del bosco con tiro alla fune e corsa con i sacchi, alle 19.00 la sfilata folcloristica dei buoi.

La sera

Alle 20.00 ultimo appuntamento con i Falconieri dell’Irno e poi nuovamente spettacolo musicale dalle 20.30 con i Vient e Terra ancora protagonisti.

Festa della montagna, programma del 10 settembre


Il tutto si svolge in una location unica nel suo genere: un parco con castagni secolari in pieno centro. Insomma, con tutte queste attività sarà impossibile annoiarsi, noi del Trono di Sagre ci saremo per raccontarvi a pieno tutta la nostra esperienza a 360°, ma solo per chi non potrà esserci, per tutti gli altri invece appuntamento al 9 e 10 settembre ad Acerno!

Gli articoli degli eventi e sagre
Gli articoli recensione post eventi e sagre
Pagina facebook con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Instagram con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Youtube degli eventi e sagre in cui il trono di sagre è stato presente.
Pagina Telegram con tutti gli aggiornamenti sugli eventi e sagre
Festa della montagna – Sicignano degli Alburni (SA) – 2023

Festa della montagna – Sicignano degli Alburni (SA) – 2023


Sicignano degli Alburni (SA) ha una grande tradizione di eventi goderecci e paesani, ospita infatti, tra le altre, una storica Sagra della castagna. La Festa della montagna era un ambizioso evento itinerante che di picco in picco transitava su Alburni e rilievi vicini. Fu istituita intorno agli anni 50′ ma sfortunatamente non ebbe seguito. La Pro Loco Monti Alburni APS, rappresentativa del comune di Sicignano, ha deciso di ripristinarla, e noi crediamo sia un’ottima idea.

Festa della montagna, cacio


Sul cucuzzolo della Festa della montagna


La festa si tiene in località San Giacomo, con la caratteristica rara in estate di avere un programma quasi esclusivamente mattutino. Visto il caldo non è una cosa che tutte le località possono permettersi ma per fortuna l’altitudine della montagna fornisce (per ora) ancora una discreta frescura.

Parcheggiamo, lasciatoci alle spalle il paese, nel fiorito campetto da calcio dove immediatamente prendiamo la navetta (3€ a/r) e ci godiamo un traballante incantevole panorama mentre percorriamo la strada stretta e sassosa.


La prima cosa che viene naturale fare mentre ci si guarda intorno, prima di mettersi a scoprire tutti i particolari dell’allestimento, è un grande, ampio respiro. Un evento nella natura è sempre caratteristico e unico, passare tra i vicoli bollenti di questa annata ad uno spazio aperto, col vento che intacca lievemente le fronde e i cespugli, è un piacevole cambiamento.

Ci viene subito incontro Carmen Orco, la presidente, con una piccola delegazione della Pro Loco. Più che parlare delle difficoltà avute a trasportare tutto su e a costruirlo da 0 (nonostante palesemente le “costruzioni” siano state tenute all’osso per lasciare il più possibile l’idea di un naturale bivacco) ci colpisce l’entusiasmo col quale ci viene esposto il programma, molto ricco, e le ambizioni dell’evento.


Il ricco programma della Festa della montagna


Il programma si molto ampio colpisce innanzitutto per la sua originalità, abbiamo Il palo della cuccagna, una dimostrazione del processo di cagliata, una gara di carico e scarico muli (con in palio selle, briglie e redini), un’area dove fare tiro con l’arco a cura degli Arcieri del Sele…e poi c’è tutta la parte gastronomica e delle escursioni programmate per il primo mattino.

Il giorno prima è stato anche composto il catuozzo. Il catuozzo è un “capannino” (sono stato già ripreso sul termine “capanno” quindi correggo il tiro) composto a incastro con ciocchi di legno e una solida base.
Dispone di diverse aperture che servono a filtrare e condurre l’aria, la stessa che alimenta il fuoco che viene acceso al suo interno. Il catuozzo viene nutrito di legna e brucia per diverse ore (anche 10, 12) lasciando infine solamente i carboni. I carboni in quest’operazione rappresentano il vero raccolto e il frutto di questo lungo e polveroso lavoro. Gli addetti li raccolgono e separano a seconda del loro stato (più grandi, più piccoli, polverizzati…) e poi sono pronti alla vendita.

Tutto il processo ci viene spiegato live, mentre viene eseguito da questa allegra famiglia che porta avanti questo antico lavoro da generazioni. Ci spiegano che sono rimasti tra gli ultimi a farlo, che si schiatta di caldo, che è pieno di polvere e fuliggine ma che “non è duro“, perché a loro piace, e lo fanno col sorriso.
Tra la polvere si intravede una trascinante allegria, mentre vengono caricati i sacchi una vangata sul terreno alza un muro di polvere che travolge quel che resta del consumato catuozzo, me, la mia intera persona e la macchina fotografica, regalandoci un’iconica scena alla Walter e Drugo intenti a dare l’ultimo saluto al povero Donny.

Festa della montagna, catuozzo


Il delirio del Palo della cuccagna


Dopo il catuozzo necessitiamo di una birra alla spina e col bicchiere appena spillato andiamo a curiosare verso la postazione degli Arcieri del Sele. Non so perchè ma l’arco è sempre stata una delle mie passioni, nonostante abbia scoccato si e no…1 volta? In un luna park in Bulgaria? Tipo ormai 8 anni fa. In ogni caso mi metto in fila nel capannello di bimbi e aspetto il mio turno. 1€, 3 frecce. C’è un piccolo tutorial su come imbracciare l’arco e come tirare. Con una prestazione sufficiente vado vicino al centro, mi bullo della mia prestazione tra i bambini e poi da un fortissimo acuto partito dal microfono sappiamo che sta per cominciare la sfida del Palo della cuccagna.


Una folla si raduna intorna al palo e lo guarda con sospetto. Non riesco a immaginare chi possa lanciarsi in tale impresa senza preparazione. Con immenso coraggio sono proprio le donne della Pro Loco ad andare per prime. Si accartocciano l’una sull’altra riuscendo a raggiungere un’altezza che equivale a quella che avrebbero avuto in piedi senza arrampicarsi. La folla apprezza.

Altri eroi e qualche bambino (almeno quelli che non scoppiano in lacrime pensando che sia una prova di maturità spartana, da vincere pena l’abbandono nel bosco) tentano l’impresa ma nessuno va molto lontano. Gli Acrobati della Cuccagna, il gruppo che direttamente da Bergamo ha allestito il palo e che lo porta in tournée in tutta Italia da una veloce dimostrazione. In pochi balzi raggiungono la cima.
E’ a questo punto che un gruppo di tuttofare (boscaioli, che però conducono anche i muli) decide di prendere in mano la situazione. Con una tecnica da sopravvissuti, attaccati alla vita, al palo, ai loro compagni, alle t-shirt, ai jeans che legati e strofinati al palo raggiungono gli 89° C, in una estenuante scalata che pare disperata fin dall’inizio…riescono finalmente a toccare il prosciutto. La folla esplode.
Non pensavo che avrei visto qualcuno riuscirci oggi.


Un ampio menu


Vedere gli altri soffrire ci ha messo un certo appetito e così dopo il palo cominciamo a provare un po’ i piatti proposti per questa Festa della montagna.
Iniziamo subito da fusilli e cavatelli. I fusilli sono buoni, al dente, col sugo fresco, mangio anche il basilico.
I cavatelli però sono veramente spaziali, in bianco con funghi e salsiccia, siamo quasi alla scarpetta fatta con le dita. Tutti e due i tipi di pasta sono tirati a mano.

Festa della montagna, fusilli

Immancabile sfrionzola, che si conferma anche quest’anno il piatto da noi più assaggiato (e siamo a metà estate!), molto saporita. Anche se la assaggio 100 volte mi piace sempre, grazie alla combo peperone+aceto che non mi stufa mai. Saltiamo il misto di carne e facciamo un assaggino sia di parmigiana bianca di zucchine, sia di ciambotta. Un menu del genere prevederebbe uno sfilatino di accompagnamento. Pieno di succhi, di oli, di sapore…

Altro must have, il caciocavallo impiccato. Di un’azienda agricola locale, risulta veramente cremoso (eh beh, è sciolto) e vellutato, avvolge il palato. Sarà stata l’aria di montagna ma ci è proprio piaciuto.
In tutto questo ammirare fiorellini che si scuotono nel vento saltano altre due birre alla spina e il vino con le percoche. Scelta di menu apprezzatissima. Per ultimo, come dolce, sbriciolona con marmellata.


Relax e tarantelle calabresi


Durante il pranzo, quando è finito il tempo delle urla di incoraggiamento al palo, e rimangono solo quelle per invitarti a prendere il ticket e farti la fila (praticamente inesistente), c’è grande relax. Famiglie e amici si godono il pasto sotto le fronde degli alberi mentre una band folk inneggia tarantelle calabresi e non.

L’evento ci è piaciuto molto. Ci siamo trattenuti volentieri fino alle 15.30, anche quando avevamo finito di fare foto e catturare video, ci siamo trattenuti anche quando non avevamo più niente da fare poiché piacevolissimo era il vivere questa giornata. Abbiamo confidato a Carmen e ai membri della Pro Loco la nostra piena soddisfazione per come si era svolto il tutto, e penso che dalle parole entusiastiche lette fin qui avrete capito anche voi quanto ci siamo divertiti. Onestamente, non vedo l’ora sia annunciata la 3° edizione.


Falco

Gli articoli degli eventi e sagre
Gli articoli recensione post eventi e sagre
Pagina facebook con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Instagram con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Youtube degli eventi e sagre in cui il trono di sagre è stato presente.
Pagina Telegram con tutti gli aggiornamenti sugli eventi e sagre
Festa della Montagna – Sicignano degli Alburni (SA), una due giornate con un programma invidiabilmente ricco di iniziative

Festa della Montagna – Sicignano degli Alburni (SA), una due giornate con un programma invidiabilmente ricco di iniziative

Ormai prossima la 2° edizione della Festa della Montagna, ci troviamo in quel di Sicignano degli Alburni (SA), più precisamente nella splendida località Castegneti San Giacomo, al fresco dei monti Alburni. Le date ufficiali sono quelle del 22 e 23 luglio 2023. Saranno due giornate dedicate alla valorizzazione del patrimonio locale e della cultura montana.

Locandina ufficiale della festa della montagna di sicignano
festa della montagna di sicignano

Il programma della giornata del 22 luglio della Festa della Montagna prevede una passeggiata sensoriale di prima mattino a cura di Alburni Trekking, e lascia spazio a più antiche tradizioni del territorio locale, ovvero la preparazione del Catuozzo – il cumulo di legna della tipica forma conica impiegata per fare il carbone – e della Cagliata, metodo tradizionale di trasformazione del latte. Si passa poi al pranzo delle ore 12.00 organizzato proprio dalla Pro Loco Monti Alburni.

programma della festa della montagna di sicignano

Il 23 luglio da sottolineare l’iniziativa “Muli e conducenti tutti presenti“, un preludio ad una vera e propria gara di carico e scarico dei muli che avverrà poi nel pomeriggio. Prima però escursioni a partire dalle 9.30. Molto carina anche l’iniziativa del famoso Palo della Cuccagna che avverrà alle 11.00, e di nuovo pranzo alle 12.30 a cura della Pro Loco Monti Alburni, anche questa volta accompagnato dalla musica popolare di Marianna Ricciardi. Alle 16.00 nuovamente la preparazione della cagliata, per chi se la fosse persa il giorno precedente e a concludere alle 16.30 la Gara di carico scarico dei muli.

festa della montagna di sicignano giorno 23
Gli articoli degli eventi e sagre
Gli articoli recensione post eventi e sagre
Pagina facebook con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Instagram con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Youtube degli eventi e sagre in cui il trono di sagre è stato presente.
Pagina Telegram con tutti gli aggiornamenti sugli eventi e sagre
Le nostre tappe di Settembre, 6 appuntamenti da non perdere – 2022

Le nostre tappe di Settembre, 6 appuntamenti da non perdere – 2022

Agosto è finito, ma non sono finiti gli appuntamenti. Settembre è un dolce epilogo che fa anche da preludio alla stagione delle sagre invernali e naturalmente Il Trono di Sagre ha già l’agendina piena.
Vi portiamo con noi alla scoperta di queste 6 tappe, prendete nota!

Calendario Eventi
– Clicca per visitare tutto il calendario eventi

Festa della montagna, ad Acerno (SA)

La Festa della montagna, ad Acerno (SA) si tiene dal 9 all’11 Settembre.
E’ una festa peculiare poiché unisce alla passeggiata nel centro storico anche una piacevole possibilità di passeggiare sulla montagna che contraddistingue il panorama unico di Acerno.


In montagna potrete osservare gli animali da fattoria all’interno dello zoo montano e una serie INFINITA di altre attività. Eccone alcune in ordine sparso, siete pronti?
Gare, quagliata live con degustazione, dimostrazioni del mondo dell’apicoltura, gare di caccia al tartufo in ring, escursioni, falconieri, sfilata di buoi e preparazione live di pasta fresca.

Finito qui? No.
Perchè ad Acerno è anche presente una massiccia scelta gastronomica!
I ristoratori del paese scendono in piazza con i loro piatti forti, in più ci sono le pietanze tipiche della festa (e di Acerno) che trovata qui e lì passeggiando per il centro, tra questi pancotto, pappoli fagioli e porcini, carne alla griglia, tagliere del brigante…

Programma ricco!
Saremo ad Acerno per la Festa della Montagna il giorno 9 intorno alle 12.30, si perché si tiene anche di giorno!

Evento Acerno
Clicca per rimanere aggiornato!


Kult…Karma oltre la birra, Alife (CE)


Alle scale piace cambiare, figurarsi a noi. Non abbiamo il tempo di digerire il vino e i piatti del contadino di Acerno e della Festa della montagna che siamo già ad una…degustazione? Festival?
Cos’è Kult…Karma oltre la birra ?

E’ un insieme di tante cose, mettiamola così. I poliedrici mastri birrai del birrificio Karma di Alife (CE) dall’8 al 12 Settembre aprono le porte di casa e cominciano a darci sotto di spillatura.
In queste 4 date infatti sarà possibile visitare il birrificio (ingresso gratuito), assaggiare i prodotti proposti da Karma stesso e lasciarsi incuriosire anche da una presenza importante di birrifici ospiti che porteranno la loro esperienza (e le loro birre artigianali) direttamente al visitatore.


Nelle serate di sabato 9 e domenica 10 inoltre sarà possibile una cena degustazione (su prenotazione! Al numero 346 8592002) a scelta tra tema sushi o prodotti locali…
Per chi invece ama gustare la birra con qualche fritto saranno disponibili food truck che daranno vita ad una preparazione live di street food, da accompagnare ai vostri frequenti refill nel giardino del birrificio.

Saremo pronti per il KO a Kult…Karma oltre la birra, ad Alife (CE) sabato 10 Settembre!

Evento Alife
Clicca per rimanere aggiornato!


Sagra del fungo porcino, a Castelpagano (BN)


Un altro giro sulla giostra e cambia nuovamente la tipologia di evento e di menu.
Da una festa in montagna ad una degustazione di birre, ora invece torniamo sul classico con una sagra che fa da apripista al mondo delle foglie ingiallite e dei bicchieri di vino da gustare di fianco al focolare…la Sagra del fungo porcino a Castelpagano (BN) dal 16 al 18 Settembre.

Durante la sagra è possibile, degustare prodotti tipici locali, nonché i pregiati vini campani presentatati da esperti sommelier, il tutto allietato da musica, animazione e spettacoli.
Non possono mancare naturalmente i funghi porcini.
Siamo alla 24esima edizione per un evento che di solito allega alla sagra anche manifestazioni podistiche o fisiche, nel 2019 infatti fu messo a disposizione un telescopio per l’osservazione delle stelle.

Saremo alla Sagra del fungo porcino, a Castelpagano (BN) il 16 Settembre!

Evento Castelpagano
Clicca per rimanere aggiornato!


Sagra della strazzata, a Castel Lagopesole di Avigliano (PZ)


Altra sagra, ma stavolta siamo fuori regione, in provincia di Potenza.
Sagra della strazzata a Castel Lagopesole di Avigliano (PZ) dal 23 al 25 Settembre.

La strazzata è straordinaria. Si tratta di una focaccia rustica, il nome deriva dal gesto di romperla con le mani, strapparla appunto. Di solito viene farcita con salumi, frittate, peperoni, porchetta, mortadella arrostita, nutella e creme dolci. Durante la Sagra della Strazzata sarà difficile non farsi tentare dall’assaggiarle tutte, accompagnando la cena con abbondante vino.

– Abbondanza di sottoli

Poi per smaltire è possibile una passeggiata nel mercatino dell’artigianato o il lanciarsi in balli popolari. Evento concepito anche per i bambini, con aree a loro dedicate.

Saremo alla Sagra della strazzata, a Castel Lagopesole di Avigliano (PZ) il 24 Settembre!

– Tipologie di strazzata
Evento Strazzata
Clicca per avere informazioni sull’evento!

Festa dell’uva, a Oliveto Citra (SA)

Il comun denominatore di queste feste di settembre sembra essere il vino.
Altro appuntamento importante per noi sarà la Festa dell’uva di Oliveto Citra, che si terrà dal 30 Settembre al 2 Ottobre.

Giochi dell’Uva, gruppi folk, danze lucane stand espositivi, degustazioni, carri artistici, percorsi enogastronomici e ancora spettacoli.


Le serate saranno all’insegna di un percorso enogastronomico, con degustazione dei piatti tipici olivetani, per raccontare le eccellenze del “buon cibo” e del “buon bere” del territorio,

Saremo alla Festa dell’uva, a Oliveto Citra (SA) il 30 Settembre!

Evento Oliveto Citra
Clicca sull’evento per rimanere aggiornato!


Sagra dei funghi, a Cusano Mutri (BN)


Nostra prima volta in qualità di redazione presso la Sagra dei funghi, a Cusano Mutri (BN).
Evento gigantesco che si terrà dal 30 Settembre fino al 13 Ottobre!
L’evento ha valicato nettamente i confini della sagra e conta ogni anno tra i 200.000 e i 300.000 visitatori.
Una roba pazzesca.


Lungo il percorso si snoderanno gli stand enogastronomici, ovvero piccole abitazioni che si trasformeranno in punti di ristoro, condurranno i visitatori alla scoperta delle bellezze dei luoghi ma, soprattutto, dell’unicità dei sapori.

Ad accompagnare le prelibatezze culinarie è l’immancabile vino che richiama appunto storia e tradizione, regalando un’atmosfera di festa, ricca di canzoni e balli popolari, all’insegna di un’atmosfera tipica delle sagre. I concerti e gli spettacoli in piazza non possono mancare così come le visite guidate ed escursioni organizzate alla scoperta del borgo e dei punti caratteristici come le chiese, il museo e le antiche botteghe che mettono in mostra le loro specialità.

Saremo alla Sagra dei funghi, a Cusano Mutri (BN) l’1 Ottobre!

Evento Cusano Mutri
Clicca per vedere l’evento ufficiale!


– Falco

Gli articoli degli eventi e sagre
Gli articoli recensione post eventi e sagre
Pagina facebook con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Instagram con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Youtube degli eventi e sagre in cui il trono di sagre è stato presente.
Pagina Telegram con tutti gli aggiornamenti sugli eventi e sagre
Festa della Montagna – Acerno (SA), 19esima edizione per tutti gli appassionati della montagna

Festa della Montagna – Acerno (SA), 19esima edizione per tutti gli appassionati della montagna

La Festa della Montagna di Acerno (SA) torna finalmente a risplendere nel fine settimana del 9-10-11 Settembre 2022.

L’attuale associazione Tannera, dopo la pausa mondiale forzata, ha avuto modo di sperimentare, e annuncia proposte accattivanti, pur lasciando intatta la tradizione e l’essenza della manifestazione.

Il programma completo della festa della montagna di Acerno
Il programma completo

L’organizzazione ci racconta in prima persona


“Dopo oltre due anni, finalmente possiamo proporre la 19esima edizione della Festa della Montagna di Acerno (SA), così tanto atteso, non solo dalla popolazione locale, ma anche dei numerosi appassionati della montagna e di tutte le risorse e attività che essa contempla.


La Festa della montagna riporta ai giorni nostri antichi mestieri e usanze gastronomiche che hanno contraddistinto la quotidianità montanara dei nostri nonni; tale evento si propone non solo di rispolverare il passato, ma anche di mostrare come nel tempo le stesse attività si sono evolute.
Ripercorriamo insieme alcuni momenti peculiari delle giornate in cui si svolge la festa:
Tiro dei buoi : una coppia di imponenti buoi 🐂 tirano un tronco 🪵 lungo le strade cittadine, a simulare una delle fasi di esbosco del legname;


Il Catuozzo: alias, la Carbonaia, sapientemente costruita e lasciata fumare per ottenere pregiati carboni utilizzati poi nella cottura alla brace di succulenti bistecche.
Tecniche di risalita in pianta: tecniche di arrampicata con imbracature e modalità assolutamente innovative
Caccia Al Tartufo In Ring: per la prima volta, nella scorsa edizione, si è svolta una delle tante attività che si svolgono nei nostri boschi. Abbiamo visto diversi cani 🐕 sfidarsi in una avvincente gara all’ultimo tartufo, infine i più abili sono stati anche premiati 🥇

i protagonisti della festa della montagna di acerno


I falconieri: per le strade cittadine e nelle piazze abbiamo conosciuto da vicini alcuni rapaci 🦅 che popolano i nostri cieli. Abbiamo potuto ammirarli e conoscere come , con tecniche argute, si procacciano il cibo
La Quagliata: abili mastri casari realizzano in tempo reale formaggi freschi e latticini che vengono subito serviti accompagnati da una calda e fragrante focaccia sfornata all’istante da un caratteristico forno a legna
Le Massaie: che realizzano diversi formati di pasta tipici del territorio come i pappoli ,la matassa , i fusilli al ferretto.
E tanto altro.


Il tutto si svolge in una location unica nel suo genere: un parco con castagni secolari in pieno centro cittadino!
9-10-11 Settembre, quindi l’evento imperdibile della festa della montagna, un’esperienza a 360° in cui si respirerà la montagna in tutte le sue sfumature.
Non mancheranno attrazioni per i più piccoli, per gli appassionati di trekking, per gli amanti del buon cibo.

SABATO E DOMENICA ANCHE A PRANZO

Seguite l’evento facebook per restare aggiornati in prossimità dell’evento.

  • CORVO
Gli articoli degli eventi e sagre
Gli articoli recensione post eventi e sagre
Pagina facebook con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Instagram con tutti gli eventi e sagre.
Pagina Youtube degli eventi e sagre in cui il trono di sagre è stato presente.
Pagina Telegram con tutti gli aggiornamenti sugli eventi e sagre